INFORMAZIONI TURISTICHE

L’area Archeologica di Ostia Antica e il Museo Ostiense


La tradizione attribuisce la nascita della città al quarto re di Roma, Anco Marzio (620 a.C.), ma la documentazione archeologica conferma con certezza la sua presenza solo dal IV sec. a.C.
La sua struttura urbana, nata con funzione di castrum fortificato per il controllo dei rifornimenti di sale, seguiva un rigido impianto cardo-decumanico.
In età augustea, all'incrocio di questi due assi principali, si trovavano i più importanti uffici commerciali, il foro con il tempio di Roma e Augusto e il teatro che ancora oggi, nella bella stagione, viene utilizzato per rappresentazioni teatrali classiche.
Ostia costituì il principale porto di Roma dal quale, le derrate alimentari provenienti dall’Impero, risalivano il fiume giungendo a Roma. Con la costruzione, in età imperiale, dei due vasti bacini portuali di Claudio e Traiano la città conobbe il massimo splendore.
Tra il IV e il V sec. d.C. Ostia subì un lento declino che si concluse con il definitivo abbandono nel IX sec. d.C.
Il complesso archeologico di Ostia Antica, i cui scavi non sono ancora conclusi, è stato incluso dall'Unesco tra i 100 siti archeologici più importanti del mondo.
All’interno dell'area archeologica vi è il Museo Archeologico Ostiense che raccoglie numerosi reperti portati alla luce nel corso degli scavi.


Il Borgo di Ostia Antica ed il Castello di Giulio II

Il Borgo:
Agli inizi del ‘400, Papa Martino V fece costruire, a guardia del Tevere, una torre rotonda circondata da un fossato, per permettere la sorveglianza delle vicine saline e per il controllo doganale dei traffici che si svolgevano lungo il fiume.
Attorno alla torre, nella seconda metà del XV secolo, sorse il Borgo circondato dalle mura.
All’interno del borgo si affaccia la chiesa rinascimentale di Sant’Aurea sulla cui facciata sono visibili alcuni stemmi marmorei cardinalizi.
All’interno si conservano importanti iscrizioni relative al culto della martire Aurea e alla presenza in zona della tomba di Monica, madre di Sant’Agostino.

Il Castello: Verso la fine del XV secolo, il Cardinale Giuliano della Rovere (futuro papa Giulio II) affidò la costruzione del Castello, per controllo e difesa del fiume, all’architetto fiorentino Baccio Pontelli.
Il complesso architettonico, tipico esempio di architettura militare rinascimentale, è costituito da un sistema perimetrale di casamatte (camere da sparo) che mettono in comunicazione tre torri (la maggiore delle quali ingloba la precedente torre voluta da papa Martino V) e da un largo fossato.
In seguito, all’interno del castello vennero realizzati ambienti residenziali e uno scalone monumentale, articolato in tre rampe, con volte e pareti decorate con affreschi eseguiti da artisti della scuola di Baldassarre Peruzzi.
Attorno alla metà del sec. XVI, la conquista da parte dello spagnolo duca d’Alba (1556), e la parziale distruzione delle strutture difensive con l’inondazione del Tevere (1557), conseguenza della quale fu lo spostamento del fiume verso settentrione, provocarono il trasferimento delle sue funzioni doganali dapprima a Tor Boacciana (sec. XII) e in seguito a Tor San Michele.
Nel 1736 Pio VI, nell’ambito di un vasto piano di bonifica finalizzato allo sfruttamento delle saline, restaurò i danni che la Rocca aveva subito nel corso dell’occupazione spagnola.


Ultimi articoli


Card image cap
ASTICI

A rischio a causa della pesca cui viene sottoposta per la prelibatezza delle sue carni.E' un crostaceo le cui dimensioni possono giungere fino a 50 cm di lunghezza (antenne escluse!), che vive generalmente in tane rocciose. In alcune stagioni compie vere e proprie migrazioni spostandosi in gruppi numerosi che marciano in fila indiana.Si incontra abbastanza comunemente sulle Secche di Tor Paterno.

Card image cap
CAVALLUCCIO DI MARE

Questo stranissimo pesce di piccole dimensioni, vive sulla vegetazione e sulle gorgonie cui si aggrappa con la sua coda prensile. Risucchia le prede, piccolissimi organismi, con la sua bocca estremamente specializzata. E' il maschio a covare le uova, che custodisce dentro una specie di marsupio. Divenuto piuttosto raro, è presente sui fondali dell'Area Marina Protetta tanto da essere ritratto nel suo logo.

Card image cap
TURSIOPE

È il più conosciuto tra i delfini. Ha abitudini tipicamente costiere e può giungere fino a tre metri e mezzo di lunghezza. Di colore generalmente grigio, più o meno uniforme, questo mammifero marino si incontra di tanto in tanto nelle acque dell'Area Marina Protetta in branchi composti da circa una decina di animali. La specie è protetta dalle Convenzioni di Berna, di Barcellona, dalla Direttiva Habitat e dalla legge italiana n. 157/92.

Card image cap
TARTARUGA LIUTO

Lunga oltre 2 mt e con il peso di 500-800 kg, è l'indiscusso gigante tra i Cheloni. Inconfondibile è anche il carapace, in cui le piccole placche ossee sono impiantate nella pelle durissima, simile al cuoio e ornata da lunche carene, che ricordano un liuto. Si ciba di pesci e meduse, tra cui la velenosissima caravella portoghese, spesso in acque profonde (il record attuale è di circa 1280 m) e nidifica sulle coste africane.

Indirizzo:


Casa del mare, via del Canale di Castel Fusano, 11 Ostia

Telefono:


+39 063540531