SECCHE

L’Area Marina Protetta SECCHE DI TOR PATERNO.
Un’ isola sotto il mare

Istituita nel 2000 dal Ministero dell’Ambiente e gestita dall’Ente Regionale RomaNatura, l’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno, estesa su una superficie di circa 1387 ettari, è l’unica tra le aree marine protette italiane ad essere completamente sommersa. Si trova infatti a circa 5 miglia dalla costa tra Ostia e Torvaianica, a profondità comprese tra 19 e 50 metri circa.
Questa posizione, insieme agli apporti organici della vicina foce del Tevere, è alla base della straordinaria ricchezza di vita delle Secche, rendendole un’oasi di biodiversità del tutto inaspettata nel mare di Roma.
Le scogliere sommerse, circondate da profonde e vaste distese di sabbie e detriti, appaiono infatti come una “isola sotto il mare” che attrae migliaia di organismi che necessitano di fondali rocciosi per vivere.
L’habitat più spettacolare è quello del Coralligeno, dominato da grandi colonie di gorgonia rossa e gorgonia arancione, dal rarissimo falso corallo nero e dove trovano rifugio innumerevoli specie tra cui murene e corvine., aragoste e astici, polpi e variopinti nudibranchi.
La sommità delle Secche, fino a circa 25 metri di profondità, è popolata dalla prateria di Posidonia oceanica, esclusiva del Mediterraneo e ormai rara nel mare laziale.
Habitat ad alta biodiversità, dal 1995 è Sito di Interesse Comunitario (SIC).
Grazie alla tutela, alcune specie sono in forte recupero, come l’ aquila di mare, molto rara nel Tirreno, la cernia bruna e le più rare cernia dorata e cernia rossa.
Le secche si caratterizzano inoltre per l’abbondanza di pesce, collocandosi al secondo posto tra le aree marine italiane per biomassa di specie ittiche.


Ultimi articoli


Card image cap
ASTICI

A rischio a causa della pesca cui viene sottoposta per la prelibatezza delle sue carni.E' un crostaceo le cui dimensioni possono giungere fino a 50 cm di lunghezza (antenne escluse!), che vive

Card image cap
CAVALLUCCIO DI MARE

Questo stranissimo pesce di piccole dimensioni, vive sulla vegetazione e sulle gorgonie cui si aggrappa con la sua coda prensile. Risucchia le prede, piccolissimi organismi, con la sua bocca

Card image cap
TURSIOPE

È il più conosciuto tra i delfini. Ha abitudini tipicamente costiere e può giungere fino a tre metri e mezzo di lunghezza. Di colore generalmente grigio, più o meno uniforme, questo mammifero

Card image cap
TARTARUGA LIUTO

Lunga oltre 2 mt e con il peso di 500-800 kg, è l'indiscusso gigante tra i Cheloni. Inconfondibile è anche il carapace, in cui le piccole placche ossee sono impiantate nella pelle durissima,

Indirizzo:


Casa del mare, via del Canale di Castel Fusano, 11 Ostia

Telefono:


+39 063540531